Cultura

Le solite cose note

di Giancarlo Curti

da Nuove Frontiere News Settembre 2016

Il 23/02/2012 scrivevo lettera che – Il Monferrato – mi pubblicava dandole il titolo (vedi a fianco che si legge. Ne trascrivo di seguito la prima parte per intero. Oltre 4 anni fa dunque avevamo ancora la Linea Ferroviaria Casale-Vercelli, il Tribunale, la Università che si sono persi ineluttabilmente e con facile previsione. Nel contempo… si è sviluppata una larga e potente offensiva già in atto da qualche tempo diretta ad annullare il Monferrato non solo nella sua unica e vera capitale e cioè Casale  Monferrato, ma anche in quella parte rimasta e non ancora oscurata del cosiddetto Monferrato Casalese. L’apice di questa offensiva, si è avuta con l’andata in onda recentemente di trasmissioni sulle

reti Rai e Mediaset in cui più volte non solo non si è parlato di Monferrato Casalese, ma l’espressione “Monferrato Alessandrino” è stata più volte ripetuta.

Ora, se vi è una realtà storica pacifica, è quella che il “Monferrato Alessandrino” non è mai esistito e che vera Capitale del Monferrato fu solo Casale Monferrato. Le attestazioni al riguardo si sono

ripetute con lo scorrere dei secoli! E’ sufficiente “visivamente” leggere cosa è scritto in molte mappe : “Casale Capital du Monferrat. Sa Citadelle è la Meilleure d’Italie”. Ed ancora; in Piazza Martiti della Libertà (Piazza Dante), è stato esposto e forse lo è ancora un tipo di leggìo aperto dove si riportano rime leggìo aperto dove si riportano rime della Divina Commedia di Dante Ali-ghieri, l’una del Paradiso, l’altra del Purgatorio: quella del Purgatorio collo-ca già allora la posizione di Casale ed Alessandria, indicando chiaramente e senza equivoci che Alessandria non era affatto “Monferrato”.

Il Leggio vede riprodotti gli sponsor: in particolare plaudiamo alla iniziativa delle classi IIIA e IB del Liceo Classico I.S. Balbo di Casale Monferrato. Sull’onda sempre più impetuosa diretta a spazzare via la vera Storia per sosti-tuirla con narrazioni inventate e tali da diventare poi con il tempo esse stesse… storia, ed a seguito delle trasmissioni televisive Linea Verde e Ricette all’ita-liana, nel mese di maggio scorso è sorto un Comitato per la “Tutela del Monferrato Casalese”.

Finalmente una seria reazione prove-niente dalla società civile, dalla gente. Poiché le delusioni che in questo cam-po, come in tanti altri, sono state e continuano ad essere tante, è sperabile che questo sia l’inizio di una vera, autentica, libera sollevazione popolare.

 

Share:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.