AttualitàCultura

Connessioni prossime – Ore civiche

Ritorna CONNESSIONI PROSSIME, il ciclo di webinar (oggi nella doppia formula in presenza/a distanza https://us02web.zoom.us/j/3055832413 ) per vivere l’attualità con consapevolezza.

Il tema del prossimo ciclo di 4 incontri (due sono da calendarizzare fra dicembre e gennaio) è quello dell’educazione alla cittadinanza attiva, che c’è tanto bisogno di imparare nel mondo della scuola, dei giovani, che da un punto di vista didattico sono chiamati a lavorare sulla educazione civica e da un punto di vista educativo sono chiamati a divenire nel tempo cittadini consapevoli e responsabili di sé e quindi della società in cui vivono e operano.

Citando una frase di Papa Francesco:

“Dobbiamo recuperare la vera natura del cittadino che è convocato per il bene comune. Dobbiamo promuovere una cittadinanza integrale: si è pienamente cittadini solo se ci sentiamo e agiamo come parte della comunità”.

Una frase di Papa Francesco che ci dice che il civismo attivo si sviluppa dall’imparare a essere cittadini nella propria comunità. Le azioni più utili e durature nascono proprio all’interno di questa cornice comune. Cornice capace di definire priorità e beni della collettività, ascoltando i bisogni dei suoi membri e traducendoli, in un quadro nazionale e internazionale, in scelte, politiche, idee al servizio di tutti.

I primi due incontri sono dedicati a due grandi temi ambientali del nostro tempo, i cambiamenti climatici e la risorsa non rinnovabile chiamata suolo. Due temi interconnessi sotto molti aspetti ed entrambi propri di ambiti decisionali non solo individuali, ma anche comunitari, a livello locale, nazionale, internazionale. Sono e saranno le nostre scelte e anche le politiche che si adotteranno in questi ambiti a definire il nostro futuro prossimo e quello delle generazioni che verranno dopo di noi. Ed è proprio a scuola che si seminano i primi e forse i più importanti semi di questa necessaria consapevolezza civica per i beni comuni e la loro conservazione e gestione.

25 novembre 2021 – ore 10:00/12:00

(in streaming sulla pagina web @amiantoasbesto e degli altri enti promotori e in presenza presso l’aula magna dell’IIS LEARDI di Casale M.to – AL)

Roberto Mezzalama

laureato in scienze naturali, con un master in ingegneria ambientale, dopo dieci anni nel settore pubblico svolge da oltre vent’anni un ruolo apicale in una multinazionale di ingegneria ambientale. Collabora con l’Università di Harvard ed è membro del Consiglio di Amministrazione del Politecnico di Torino.

Roberto Mezzalama è autore per Einaudi del libro “Il clima che cambia l’Italia. Viaggio in un Paese sconvolto dall’emergenza climatica” (2021).

Tema del libro e dell’incontro:

Il riscaldamento climatico non è altrove: è già qui, in Italia, e sta cambiando il paesaggio, la terra, i fiumi, il mare, i distretti economici e i nostri prodotti.

Il libro raccoglie testimonianze dalla viva voce di chi già oggi è toccato nella sua attività quotidiana dalle trasformazioni in atto nel nostro Paese e di come reagisce. È la narrazione di agricoltori, pescatori, guide alpine, maestri di sci, albergatori, guardie forestali, insomma le persone che vedono una preoccupante accelerazione dei fenomeni che stanno cambiando i luoghi di cui si prendono cura, di che cosa avrebbero bisogno. Un moderno Grand Tour, insomma, che raccontando la grande bellezza del nostro Paese racconta anche come siamo vicini a perdere molte delle nostre peculiarità se non agiremo in fretta e con determinazione. Completano il libro due interviste dell’autore a personalità come Michelangelo Pistoletto e Carlo Petrini. Entrambi, da parte loro, intervengono su un tema così rilevante quale il riscaldamento climatico per l’Italia. Alla luce anche degli ultimi mesi di rilevante dibattito e mobilitazione in occasione della COP26 appena conclusa.

Paolo Ferraris, cittadino esemplare

Paolo Ferraris è stato Consigliere Comunale, Assessore ai Lavori Pubblici, Vicesindaco del Comune di Casale Monferrato, Consigliere Regionale e Assessore al Bilancio e al Personale della Regione Piemonte dal 1990 al 1996, quando morì, a 49 anni, per un mesotelioma pleurico.

L’Associazione Paolo Ferraris si costituì pochi giorni dopo la sua prematura scomparsa per ricordarne la figura e l’opera di politico ed amministratore appassionato, competente ed impegnato per il futuro di Casale e del Monferrato.

Oggi, a 25 anni dalla morte, intende proporre agli studenti del territorio una riflessione sul tema a lui caro dell’essere cittadini consapevoli e partecipi.

 

Fonte: Istituto Balbo

Share:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nuove Frontiere