Attualità

DTT… QUALE INFORMAZIONE? Non è sufficiente un Consiglio Comunale aperto!

Finalmente da più parti viene richiesto un coinvolgimento popolare e una maggiore chiarezza sul progetto DTT (Centro di Ricerca sulla Fusione Nucleare) che si vorrebbe installare ad Oltreponte presso lo stabilimento Ex Gaiero. Esattamente un anno fa come Associazione Nuove Frontiere avevamo pensato, in collaborazione col suo giornale (e ovviamente con alcuni rappresentanti della Giunta Comunale), di organizzare un Convegno con lo specifico intento di illustrare alla popolazione casalese le opportunità lavorative, i progetti di sviluppo, ma anche affrontare in un serio dibattito/confronto tecnico gli eventuali rischi che il progetto DTT potrebbe comportare per il ns. territorio. Nella primavera 2017 si era arrivati ad ipotizzare un convegno di ampio respiro con il coinvolgimento dell’ENEA, di docenti universitari “neutrali” e non in conflitto di interesse, degli Istituti Superiori casalesi, dei politici proponenti il progetto (Amministrazione Comunale, Parlamentari del territorio, Presidente della Regione Piemonte), Unione Industriale e la partecipazione delle Associazioni Ambientaliste per un sereno e costruttivo confronto anche su tesi contrapposte. Si era concordato in un primo tempo di organizzare il convegno a giugno ma poi per motivi organizzativi si era optato per il mese di settembre. Avevamo pensato ad un convegno che si tenesse di sabato con una parte “politica” e illustrativa del progetto di base da tenersi al mattino e nel pomeriggio si sarebbe continuato con un confronto e approfondimenti tecnici tra le varie parti partecipanti. Per ragioni a noi non comprensibili l’Amministrazione Comunale ha deciso a fine agosto di non procedere con questa opportunità di informazione, possiamo pensare/ipotizzare che si volesse avere la conferma della designazione di Casale Monferrato da parte della Regione Piemonte, oppure vi saranno state altre ragioni a noi sconosciute… Fatta questa premessa non possiamo essere d’accordo sulle modalità previste con cui ora si vorrebbe organizzare un convegno su questa importante questione del DTT. L’informazione a nostro parere deve essere ampia e completa e deve avvenire in una sala adeguata (salone Tartara?). A nostro parere non può avvenire in un Consiglio Comunale aperto ma solo in una Assemblea Pubblica. Le domande sulla sicurezza saranno sicuramente molte e sono necessarie da parte dei tecnici che interverranno risposte concrete, competenti e comprensibili a tutti. Non è molto logico arrivare a dare informazioni alla popolazione a ridosso della presentazione della candidatura casalese ad ospitare il DTT: riteniamo che non vada perso altro tempo, l’aspettativa è che questo convegno sia preparato con estrema cura con l’obbiettivo primario di informare in maniera trasparente i casalesi e la popolazione interessata più direttamente (gli abitanti di Oltreponte) sulle opportunità e i rischi dell’installazione del DTT, chiediamo inoltre all’Amministrazione Comunale sin da ora  che  – prima della decisione di assegnazione da parte di ENEA del mese di marzo – si organizzi  un incontro di  informazione ancora più “locale “ e cioè nel Quartiere di Oltreponte .

Questo è quanto i cittadini si aspettano dalla propria Amministrazione.

(Pubblicato su Il Monferrato del 5 gennaio 2018)

Lettera protocollata 22 marzo 2017

Share:

Lascia un commento