Slider

Il consumo del suolo in Italia non si arresta

In Italia la copertura artificiale del suolo è ormai arrivata a estendersi per oltre 21.000 chilometri quadrati, pari al 7,11% del territorio nazionale (era il 7,02% nel 2015, il 6,76% nel 2006), rispetto alla media Ue del 4,2%. Per Michele Munafò dell’Ispra «i “costi nascosti”, dovuti alla perdita dei servizi ecosistemici che il suolo non è più in grado di fornire a causa della crescente impermeabilizzazione e artificializzazione, sono stimati in oltre tre miliardi di euro l’anno». Con questo trend, nel 2030 i danni economici assommeranno alla metà dell’intero Pnrr. Difficile cambiare strada, e non solo in Italia.

Fonte: Italia libera – Giornale digitale di formazione e partecipazione attiva

L’articolo di FABIO BALOCCO

IL – 27 novembre 2021

Il consumo del suolo in Italia non si arresta: «100 miliardi di danni in arrivo da qui al 2030»

https://italialibera.online/ambiente-territorio/il-consumo-del-suolo-in-italia-non-si-arresta-100-miliardi-di-danni-in-arrivo-da-qui-al-2030/?utm_source=mailpoet&utm_medium=email&utm_campaign=gli-ultimi-articoli-di-italia-libera

 

Immagine fonte: ISPRA – SNPA

Share:

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Nuove Frontiere